Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Il Lunedì del Delfino

Delusioni, sempre e solo delusioni

Condividi su:

Tre gare in soli sei giorni, che avrebbero dovuto svelare il vero volto del Delfino, dopo un discreto periodo con parecchi risultati utili consecutivi alle spalle. Purtroppo, come ben sappiamo, il trittico di partite ha definitivamente relegato in un cassetto ogni sogno di (potenziale) gloria. Sarà l’ennesimo campionato deludente che questa società dovrà archiviare per i posteri, che un giorno ne narreranno i fatti, senza pietà.

Dopo la prevedibile sconfitta con la Reggiana, anche i più ostinati avevano capito che fra il Pescara e le migliori esiste una distanza tecnica insormontabile. Il pareggio a reti bianche con la Virtus Entella aveva poi rivelato che anche nei play off i biancazzurri troveranno, fin da subito, formazioni in grado di estrometterla dalla competizione. Infine l’1-1 contro una Fermana in dieci per tutto il secondo tempo, ha quasi definitivamente allontanato anche l’ultimo, seppur misero obiettivo, del terzo posto finale, che avrebbe garantito una migliore griglia di partenza per gli spareggi promozione.

Nell’arco di questi 270’ il Delfino ha realizzato una sola rete, per giunta su calcio di rigore, contro una squadra in lotta per non retrocedere e con un uomo in meno per tutto il secondo tempo, come accennato poc’anzi.

Tanti passaggi sbagliati, scarsa lucidità in zona d’attacco, tentativi da fuori area velleitari, cambi in corsa più destabilizzanti che rinvigorenti, difesa horror in alcuni frangenti e, addirittura, scarsa attenzione nei fondamentali. Molto fumo e poco arrosto insomma, per una squadra che durante le gare spesso gira letteralmente a vuoto, con poche idee, anche confuse. Perfino Franco Ferrari, uno dei pochi, fino a qualche settimana fa, in grado di distinguersi in positivo, sembra aver smarrito ogni barlume di lucidità: entrato nella ripresa ieri pomeriggio, per dare una sferzata all’anemico attacco biancazzurro, ha disputato una mezz’ora di gara davvero orripilante. Sempre in ritardo, autore di almeno una decina di falli, espulso nel finale per doppia ammonizione: irritante e confusionario.

Non è più un segreto che Auteri non sia assolutamente in grado di far rendere al meglio gli uomini a disposizione. Evitiamo di commentare le sue dichiarazioni post gare, così come quelle durante la settimana del DS Matteassi: basta leggerle, parlano da sole.

Con la consueta tristezza che ci accompagna da ormai molte stagioni, ricordiamo, per la cronaca, i prossimi impegni del Pescara. Dopo la trasferta di Fermo, altre due gare lontane dalle mura “amiche” (il virgolettato è d’obbligo, visto il deserto che accompagna le scarse prestazioni della squadra all’Adriatico), attendono Pompetti e compagni. Dopodomani ennesimo turno infrasettimanale, di nuovo in terra marchigiana, contro la Vis Pesaro, in lotta per un posto nei play off. Lunedì prossimo, poi, nuovo impegno proibitivo con l’altra capolista, il Modena, che contenderà alla Reggiana, forse fino all’ultimo, l’unico posto disponibile per salire in serie B.

In chiusura una nota di colore, che serve solo a rendere al meglio l’idea di dove questa società abbia collocato una città e una tifoseria, che meriterebbero ben altri palcoscenici. Secondo la regia di Eleven, la piattaforma streaming che trasmette le gare di serie C, praticamente la partita contro la Fermana sarebbe stata vinta dai padroni di casa per 1-0, dopo i tempi supplementari: vedasi foto con la schermata al termine del match, che ha accompagnato i telespettatori dall’inizio della ripresa e fino al triplice fischio finale.

Condividi su:

Seguici su Facebook