Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Campagna vaccinale, troppi disagi

La Consigliera Stella: "La Regione apra più Hub sul territorio"

la redazione
Condividi su:

L’Abruzzo è tra le Regioni con meno vaccinati in Italia: lo dicono i numeri che la mettono al sesto posto in questa classifica. È un dato preoccupante che non solleva la regione da responsabilità dirette e che spesso non è da imputare alla volontà dei singoli cittadini. Infatti da settimane assistiamo a centri vaccinali con code di centinaia di persone, attese di ore e questo scoraggia fortemente i cittadini, soprattutto nei mesi invernali, con pioggia e temperature molto basse”.

Afferma la Consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Barbara Stella. E prosegue:

“Mentre il governatore di questa Regione continuare ad imputare pretestuose responsabilità al governo centrale, sui territori continuano a verificarsi scene di ordinaria disorganizzazione. Soprattutto in provincia di Chieti e di Pescara sono state numerosissime le segnalazioni di cittadini dovute a situazioni di caos e forti malumori causati da ore estenuanti di fila e questi disagi non agevolano le operazioni di vaccinazione. Sicuramente è auspicabile l’apertura di nuovi centri vaccinali che alleggerirebbe il carico di lavoro di quelli già esistenti. Infatti le code e i disagi spesso non sono imputabili a problemi organizzativi dei singoli hub, con personale che sta operando diligentemente e che sta facendo uno sforzo immane per portare avanti la campagna vaccinale, ma proprio alla scarsezza di hub sui territori”.

Conclude la pentastellata: “Il Presidente di Regione continua nella sua propaganda spicciola: accusa il governo di fare allarmismo parlando di possibile ritorno alla zona gialla e prosegue la polemica parlando del mancato indennizzo da parte dello Stato, ribadendo ancora una volta la sua posizione contraria al green pass. Il governo regionale dimostri di essere in grado di risolvere i problemi invece di cercare sempre un capro espiatorio per le proprie inefficienze”.

Condividi su:

Seguici su Facebook