Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Intervista all'assessore regionale Mario Mazzocca durante la presentazione di "Facciamo rete" di SEL

| di Cinzia Maria Rossi
| Categoria: Politica | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

La partecipazione attiva della cittadinanza al centro dell’evento di Sel che si svolgerà a Caramanico Terme il 22 e 23 novembre prossimi.

“Unico evento formativo diretto”, così la definisce l’assessore regionale Mario Mazzocca, che insieme a Tommaso di Febo, coordinatore regionale e il consigliere Davide Morante hanno illustrato alla Stampa l’iniziativa. Unica nel suo genere perché formativa in quanto le giornate saranno animate, non da convegni, ma da workshop rivolti a tutti, per “imparare” a gestire in maniera partecipativa ambiente, sociale e cultura. “La politica vuole coinvolgere i territori nella gestione amministrativa” così stigmatizza Tommaso di Febo, mentre Davide Morante, neo consigliere del Comune di Salle, parla di necessità di coinvolgere  più giovani possibile per farli crescere nella consapevolezza di una politica a misura di futuro.

Tutti potranno partecipare agli Workshop di buone pratiche: “Salvaguardia dei beni comuni” con Augusto de Sanctis del Forum per l’acqua,  tutela dell’ambiente, a cura di Giovanni Damiani -ARTA- Raccolta differenziata dei rifiuti ed efficienza energetica, con Sandro di Scerni – consulente ed esperto –e Daniel Mercurio  -Esco SMART- sulla La gestione della Cultura è affidata a Cecilia D’Elia -responsabile nazionale SEL- mentre i diritti di integrazione e lotta alla povertà spettano ad Antonello di Salvatore –On the road Onlus- Cittadinanza attiva e democrazia con Carlo di Marco dell’associazione DEMOS. A conclusione delle giornate, un puntuale riscontro propriamente politico a cura di Gianni Melilla, Mario Mazzocca e Daniela Santroni, rispettivamente sulla Legge di stabilità, l’azione della sinistra nel governo regionale e comunale.

La conoscenza della gestione del bene comune, presuppone un’attenzione sociale da parte di tutti e quindi la cura del “pubblico” diventa un fatto privato, in quanto proprietà di ognuno.

Cinzia Maria Rossi

Contatti

redazione@sl-www.pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK