Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Rincari bollette acqua, M5S Pescara torna sul tema organizzando un'assemblea pubblica on-line

Un tavolo di confronto tra associazioni di consumatori, amministratori di condominio e comitati cittadini. Invitata a partecipare anche ACA

Condividi su:

"Acqua, da bene primario a bene di lusso" è il titolo dell'incontro pubblico on-line organizzato dal Movimento 5 Stelle Pescara per tornare sul tema dei rincari delle bollette dell'acqua, di nuovo al centro del dibattito dopo che nello scorso mese di luglio l'assemblea dei soci ACA aveva dato il via libera agli aumenti. "Un vero e proprio assalto alle tasche dei cittadini – commentano i consiglieri M5S Erika Alessandrini e Paolo Sola – costretti ad accollarsi 16 milioni di euro di somme non riscosse dall'ACA, tra il 2018 e il 2019, con aumenti indiscriminati. Una decisione presa con il voto favorevole dei Sindaci presenti all'assemblea dei soci, tra cui anche il Comune di Pescara, che nel più totale silenzio ha anche avallato il passaggio ad nuovo sistema di calcolo delle tariffe, il TICSI (Testo Integrato Corrispettivi Servizi Idrici), che a partire dal 2021 porterà altra confusione e disparità di trattamento in un periodo di crisi come questo, che già di per sé ha messo in ginocchio le economie di molte famiglie".

L'incontro pubblico, che si svolgerà nella giornata di sabato 28 novembre alle ore 16:00 sulla piattaforma on-line Cisco Webex, vedrà la partecipazione di associazioni di consumatori e utenti, associazioni di amministratori condominiali e comitati cittadini. Invitata a partecipare anche la stessa ACA. 

"Oltre ad ascoltare il punto di vista di tutte le categorie coinvolte a diverso titolo – proseguono i consiglieri M5S Giampiero Lettere e Massimo Di Renzo – sarà un'occasione per mettere intorno ad un tavolo virtuale di discussione tutte le proposte raccolte, chiedendo la rateizzazione dei pagamenti, l'agevolazione ai condomini del cambio di contatore da centralizzato a singolo per evitare che a pagare siano sempre i soliti, e metodi di fatturazione più trasparenti".

Condividi su:

Seguici su Facebook