Pescara, riemerge un mosaico del 200 dopo Cristo

Operazioni ancora in corso sulla golena del fiume. Il monumento verrà traslato presso il Museo delle Genti d'Abruzzo

| di la redazione
| Categoria: Cultura
STAMPA

Un momento lungamente atteso, che restituisce alla città di Pescara il mosaico romano del 200 dopo Cristo, a 20 anni dalla sua scoperta. Un'operazione, quella in corso sulla golena sud del fiume, che fa riemergere questo giacimento dall'oblio in cui è stato finora sepolto.

Tra qualche giorno il mosaico verrà traslato presso il Museo delle Genti d'Abruzzo, in modo che tutti possano ammirarlo. Si tratta della più importante conferma degli antichi insediamenti alla foce del fiume Aterno. Nella figura spicca un'anfora con una croce uncinata, un capolavoro che risale a circa 1800 anni fa. Potrebbe essere stato commissionato intorno al I sec. d.C., e secondo gli esperti impreziosiva le sale di un edificio che sorgeva in posizione attigua al porto di Ostia Aterni ("Aternum"). Queste le parole del Primo Cittadino Carlo Masci su Facebook:

"Il mosaico del III Secolo dopo Cristo, dopo 20 anni dalla sua scoperta, lo stiamo facendo riemergere dall'oblio in cui era stato sepolto, tra qualche giorno lo collocheremo al Museo delle Genti d'Abruzzo, in modo che tutti possano ammirarlo, a testimonianza degli antichi insediamenti alla foce del fiume Aterno. Noi non ci fermiamo mai per la nostra Pescara."

la redazione

Contatti

redazione@sl-www.pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK