Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Asse Attrezzato, si al progetto del prolungamento e della riqualificazione della banchina.

| di Maria Luisa Abate
| Categoria: Comunicati Stampa | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

19 gennaio, in una riunione presso la Regione Abruzzo è stato deciso il progetto della riqualificazione dell’asse attrezzato con il prolungamento fino al porto.

Alla riunione, presieduta dal Governatore Luciano D'Alfonso, erano presenti i rappresentanti di: la Regione, l’ANAS, il Comune di Pescara, il Genio Civile, la Soprintendenza ai Beni Paesaggistici e Autorità Marittima.

La riunione è stata fatta per trovare un accordo  tra tutte le propose presentate e valutare la qualità del progetto..

“Coglieremo l'occasione per riqualificare anche la banchina e agire sulla circonvallazione” questa la dichiarazione dell’assessore alla mobilità ed al territorio Stefano Civitarese Matteucci

Di seguito il Comunicato Stampa del Comune di Pescara

“La realizzazione di tale opera deve costituire un elemento cardine del nuovo progetto di riqualificazione dell’ambito fluviale e la soluzione da noi proposta è stata condivisa da tutte le amministrazioni intervenute. Già entro questa settimana vi sarà un incontro operativo con l'Anas per adeguare il progetto inizialmente presentato dall'Azienda alla visione prospettata dal Comune - così l'assessore alla Mobilità e sviluppo del Territorio Stefano Civitarese Matteucci – Riteniamo che il completamento dell’asse attrezzato possa costituire l’occasione per la riqualificazione e la conservazione delle aree golenali del lungofiume sud attraverso la realizzazione di una strada di accesso diretto al porto dall’asse attrezzato che correrà congiuntamente alla viabilità urbana locale, la realizzazione di un sistema di trasporto pubblico di collegamento stazione-porto-aeroporto, percorsi carrabili e pedonali e aree verdi lungo le sponde fluviali. La “filosofia” che sta alla base della proposta si fonda su tre elementi: il collegamento non è basato sulla velocità ma su una lenta e sicura scorrevolezza del traffico; è compatibile con la struttura urbana esistente e con le sue esigenze future; migliora la situazione attuale dal punto di vista della mobilità (compresa quella pedonale e ciclabile) e non la peggiora dal punto di vista ambientale.

In pratica l'intervento non condiziona la situazione attuale ma la riorganizza in meglio, consentendo anche imponenti economie, riducendo la portata economica del prolungamento a circa un terzo dell'importo stimato e consentendo così di investire le risorse a disposizione dell'Anas per risolvere problemi di maggiore impatto riguardanti la viabilità di sua competenza, come l'eliminazione della problematica della “trombetta”, l'accesso alla circonvallazione dalla Pineta, con una viabilità senza ipoteche ambientali e urbanistiche sulla zona dove oggi insiste. Inoltre la riorganizzazione funzionale della viabilità avverrà, principalmente attraverso le tre rotatorie previste - la prima si basa sull’ampliamento di quella esistente di Piazza della Marina, la seconda sarà realizzata ex novo in corrispondenza di Via Bardet, la terza è quella esistente a ridosso del Ponte del Mare in corrispondenza del Lungomare C. Colombo.

Un secondo importante elemento è quello di realizzare il collegamento viario attraverso due sole corsie, una per direzione di marcia. Le due corsie saranno realizzate a cavallo del basso muro che sostiene l’attuale recinzione, di cui si prevede la demolizione lungo Via Andre Doria. Questa soluzione permetterà non solo di semplificare le connessioni viarie tra il collegamento in parola e il resto della viabilità urbana, ma anche di guadagnare alla viabilità ciclo pedonale, al decoro urbano e al verde, una larga fascia stradale dell’attuale Via A. Doria. Una fascia che si allargherà progressivamente man mano che si avvicinerà alla rotonda del Ponte del Mare.

Un ultimo elemento, ma non per importanza, è il fatto che l’attuale banchina del porto canale verrà in gran parte salvaguardata. Ciò permetterà, non solo di tutelare al massimo le attività portuali e pescherecce, ma anche di ipotizzare una ulteriore passeggiata ciclo pedonale lungo il fiume, ai margini della corsia di uscita dal porto della strada in progetto”

Maria Luisa Abate

Contatti

redazione@sl-www.pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK