Costringono prostituta ad abortire clandestinamente e gettano il feto nel wc, indagati due romeni

Racket della prostituzione a Pescara, chiuse indagini su procurato aborto a 22enne.

| di la redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

Rimasta incinta di uno dei tanti clienti con i quali aveva avuto rapporti non protetti, una romena di 22 anni è stata costretta dai suoi aguzzini ad abortire clandestinamente assumendo un farmaco gastro-protettore; l'aborto è avvenuto nella stanza di un albergo di Pescara, con gravi rischi per la salute della donna, e il feto è stato gettato nel water del bagno. Emergono nuovi dettagli inquietanti sulla vicenda del racket della prostituzione a Pescara, che a febbraio scorso aveva portato a tredici arresti (leggi qui).

Ora la Procura di Pescara ha chiuso l'indagine per il reato di procurato aborto nei confronti della giovane. Due gli indagati, un 33enne e la sua compagna 26enne, entrambi romeni, già arrestati a febbraio. A ricostruire l'accaduto è stata la stessa vittima, che due giorni dopo i 13 arresti, si è presentata spontaneamente in questura, negli uffici della squadra Mobile, ed ha riferito tutti gli elementi di cui era a conoscenza.

la redazione

Contatti

redazione@sl-www.pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK