Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Movida, i locali della zona limitrofa di Piazza Muzii resteranno aperti fino alla mezzanotte

Il Sindaco Masci ha firmato la nuova ordinanza sull'apertura e chiusura delle attività

la redazione
Condividi su:

E' stata pubblicata una nuova ordinanza sull'apertura e chiusura dei locali che riguardano la vendita e somministrazione di bevande alcoliche e alimenti. L'ordinanza, firmata dal Sindaco Carlo Masci, entrerà in vigore oggi, lunedì 15 novembre 2021 sino a domenica 21 novembre 2021, stesse date del nuovo ordinamento delle aperture e chiusure delle discoteche.

I NUOVI ORARI

Dalla domenica al giovedì: dalle ore 06:00 alle ore 00:00 del giorno successivo per i locali che si trovano nella Zona limitrofa a Piazza Muzii: Via C. Battisti - Via Piave - Via Mazzini - Via Forti - Via Goito - Via Curtatone - Via De Cesaris - Via Minghetti - Via Poerio - P.zza M.Muzii - P.zza Santa Caterina - Via Quarto dei Mille - Via De Amicis;

Venerdì e sabato: dalle ore 06:00 alle ore 01.30 del giorno successivo sempre per la medesima zona.

Per quanto riguardano i pubblici esercizi, che si trovano nelle altre zone della città, adibite non solo alla vendita e somministrazione di bevande alcoliche e alimenti ma anche bar e stabilimenti balneari, rimarranno aperte tutti i giorni dalle ore 06:00 alle ore 01.30 del giorno successivo.

Le attività artigianali (a titolo esemplificativo gelaterie, pasticcerie, piadinerie e cornetterie, etc.) e le attività di commercio al dettaglio su aree pubbliche (posteggi isolati e commercio itinerante non saranno tenute al rispetto dei medesimi orari. Alle suddette attviità sarà consentita la sola vendita da asporto di alimenti e bevande, oltre le fasce orarie previste dalla rispettiva zona di appartenenza.

OBBLIGHI DA RISPETTARE

I datori di lavoro, oltre a rispettare i suddetti orari, saranno obbligati a rispettare i seguenti provvedimenti:

  1. Vigilare, all'interno dei locali e negli spazi pubblici in concessione, sul rispetto delle misure di distanziamento sociale e comunque dei protocolli di sicurezza previsti dalla normativa nazionale e/o regionale, assumendo immediatamente ogni adeguata iniziativa di presidio e sicurezza anti-assembramento e/o anti-contagio;
  2. rendere noto al pubblico l’orario di effettiva apertura e chiusura mediante cartelli ed altri mezzi idonei di informazione;
  3. di cessare ogni tipo di servizio oltre l’orario consentito, effettuando lo sgombero del locale e delle eventuali aree pubbliche autorizzate per il servizio esterno, avendo cura che le relative operazioni si svolgano in modo tale da non arrecare disturbo al riposo delle persone;
  4. che le attività di ripristino delle aree occupate quale ampliamento delle attività di somministrazione avvengano entro e non oltre i quindici minuti dall’orario stabilito per la chiusura;
  5. di provvedere a rendere inutilizzabili da parte dei passanti tavoli, sedie, ombrelloni presenti all’esterno dei locali;
  6. è vietato lo stazionamento degli avventori nelle immediate vicinanze delle attività di somministrazione di alimenti e bevande dopo la chiusura delle stesse.

SANZIONI

Le attività che non rispetteranno gli orari saranno soggette a sanzioni amministrative che vanno da una somma dai 1.500 ai 10.000 euro mentre per quanto riguandano l'inosservanza degli obblighi la sanzione sarà punita con una sanzione amministrativa pecuniaria dai 25,00 ai 500,00 euro con pagamento in misura ridotta sin d'ora fissata in €. 50,00, salve spese di notifica ed altri oneri di legge e di procedimento.

 

 

Condividi su:

Seguici su Facebook