Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

COVID19 Cepagatti: facciamo chiarezza sui report!

Condividi su:

Si crea sempre caos sui report dei casi COVID19.. 
In particolare parliamo del Comune di Cepagatti, dove dopo la diffusione di dati dal 01/10 al 03/11 pubblicati su Il Centro, si è scatenato un putiferio. 
FACCIAMO CHIAREZZA! Leggendo il post e i vari commenti pubblicati sulla pagina Cepagatti News, si nota che sul oltre al numero dei casi, tra i paesi Abruzzesi, si trovava la scritta ROMA. Tra i commenti si legge la spiegazione: "Lo stesso problema si era presentato nei mesi scorsi.. 
1) Quando compaiono PAESI che non si trovano all’interno della REGIONE, significa che i casi sono stati DIAGNOSTICATI IN ABRUZZO ma i positivi hanno residenza altrove (in questo caso Roma);
2) Quando scrive CEPAGATTI 45 casi dal 1 Ottobre, non significa che sul territorio abbiamo OGGI 45 casi, bensì significa che dal 1 Ottobre al 3 Novembre i casi presenti sul territorio ne sono stati 45, che comprendono le persone che nel frattempo si sono negativizzate e le persone che hanno il medico a Cepagatti ma la residenza altrove, invece i 33 CASI SEGNALATI DAL COMUNE, SONO GLI EFFETTIVI POSITIVI PRESENTI OGGI SUL TERRITORIO. 
Il Comune di Cepagatti è stato indicato come uno dei più trasparenti. Non capisco perché ogni volta che vengono comunicati dei nuovi casi, la gente li deve moltiplicare!"
Personalmente devo dire che il Comune di Cepagatti è sempre stato trasparente sull'argomento. A volte gli aggiornamenti avvengono con qualche giorno di differenza, quindi i nuovi dati si sanno prima dai canali di stampa e poi dai canali ufficiali del Comune, ma solo perché spesso la ASL comunica in ritardo. Inutile polemizzare su tutto!
I dati ufficiali aggiornati al 6 Novembre per quanto riguarda il Comune di Cepagatti, sono i seguenti:

Positivi presenti sul territorio ad oggi: 33

Dati da Marzo al 6 Novembre:
Positivi totali: 84
Guariti: 43
Deceduti: 8

Con la speranza di aver fatto chiarezza, invito a diffidare dei dati non veritieri e ad affidarsi solo ai canali ufficiali.

Condividi su:

Seguici su Facebook