Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

#datecivoce: le donne rappresentano l’Italia, ma non sono presenti

Task force del Governo solo 4 donne su 17 componenti

Condividi su:

Una lettera è stata indirizzata al Presidente del consiglio Giuseppe Conte nella quale, a nome di tante donne, molte associazioni femminili scrivono del loro disappunto per la formazione della Task Force per la ricostruzione formata da 17 membri di cui solo 4 sono donne.

Tra le firmatarie e promotrici a livello nazionale la FIDAPA BPW Italy e a livello locale la FIDAPA sezione Pescara.

Solo 4 donne su 17 commissari! Eppure le donne rappresentano figure importanti dell’economia, della giurisprudenza e di ogni campo sociale italiano.

La parità di genere non è solo una campagna al femminile, ma una giusta rivendicazione dei diritti di tutti i cittadini e cittadine italiane.

Non è accettabile che in questo triste periodo ai vertici di ogni rappresentanza governativa e amministrativa ci siano solo uomini. Le donne come al solito sono al fronte numerose a lavorare per tutti negli ospedali, nelle aziende, nelle case nelle scuole e nelle famiglie.

La lettera firmata da numerose associazioni, oltre a mostrare disappunto per la mancata adeguata rappresentanza delle donne nella commissione per la ricostruzione, ha voluto ribadire l’importanza della presenza femminile in quanto le donne nel panorama italiano sono presenti in tutti i settori con grande competenza.

Il dopo pandemia vedrà una Nazione prostrata nell’economia e nei campi sociali e culturali e tanta forza ci vorrà per farla risollevare e le donne, come al solito, sapranno essere i veri fari della ricostruzione. Ma non nelle decisioni ufficiali, secondo la composizione della commissione. Ciò non va bene, le donne e gli uomini devono lavorare insieme con le loro qualità e competenze perché entrambi rappresentano tutti i settori della vita.

La Ministra delle pari opportunità ha anche lei organizzato una task force “Donne per un nuovo Rinascimento” certamente iniziativa meritevole ed importante, ma non esaustiva in quanto anche nel campo delle pari opportunità uomini e donne devono essere paritari, altrimenti che cosa significa Pari opportunità?

I tutti i campi la Pari Opportunità passa come l’opportunità che le donne possano avere  una parità con gli uomini. Certo la parità dei diritti è fondamentale in una società regolata da codici e leggi, ma la parità è per tutti uomini e donne. Tutte le persone come dice la nostra Costituzione sono uguali senza discriminazione di sesso di razza e di religione.

Le donne, ancora, sanno stare al comando perché, come portatrici di vita, riescono a governare dando tutte se stesse, basta guardare quei Paesi governati da donne come hanno saputo riconoscere a tempo e combattere bene il terribile virus che ha travolto l’umanità in questo inizio di anno.

Coronavirus, Lettera a Conte e Colao:

PIU’ DONNE NEI LUOGHI DECISIONALI

Roma, 14 aprile 2020

“Quattro donne su 17 non sono solo un mancato riconoscimento al patrimonio di competenze femminili ma non offrono nemmeno una giusta rappresentazione della nostra Italia. Chiediamo fin da ora che nelle Commissioni e nelle task force, costituite e da costituirsi, per gestire la “fase 2” dell’emergenza, si valorizzi il talento femminile e sia inserito un adeguato numero di donne capaci, commisurato alla rappresentanza femminile di questo Paese, che è la metà della popolazione.

Le donne ci sono state in questa crisi, hanno lottato, sopportato, subito, sperato e disperato. Insieme agli uomini, e forse, in alcune dimensioni, anche più degli uomini. Tutto questo, purtroppo, non ha trovato un’adeguata rappresentazione nei centri di decisione pubblica e collettiva.

Da più parti è stata osservata la mancanza di un’adeguata presenza femminile tra i protagonisti politici e scientifici della crisi, rilevata in numerose occasioni, non ultima la nomina della task force governativa composta per l’80% da uomini”

La petizione potrà essere firmata accedendo dal link:

https://www.datecivoce.it/firma-la-petizione/?fbclid=IwAR0V8K7JhgkuX-N3eAld7GvaeqsxUH4b_X2kaWfaq_LAXVeP1qvl_YYCz9A

Condividi su:

Seguici su Facebook