Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Orari di scuole e uffici verso la riorganizzazione

Condividi su:

Il Consiglio approva a larga maggioranza l'istituzione della Consulta che avrà il compito di riorganizzare i ritmi dei servizi pubblici. Enti pubblici, scuole, università, sindacati, associazioni di categoria, consumatori, società di trasporti si riuniranno attorno ad un tavolo per adeguare i tempi e gli orari dei servizi pubblici alle nuove esigenze di Pescara. E' un piano ambizioso quello approvato oggi dal Consiglio comunale di Pescara, che a larga maggioranza ha dato il via libera alla proposta presentata dai consiglieri Piero Giampietro (Pd) e Daniela Santroni (Si) sull'istituzione della consulta comunale chiamata a predisporre in tempi rapidi il nuovo Piano regolatore dei tempi e degli orari.

 

"Abbiamo preso esempio dalle esperienze più avanzate delle città italiane, ed oggi anche a Pescara inizia una fase di riorganizzazione dei tempi urbani – spiegano Piero Giampietro e Daniela Santroni – con l'obiettivo di adeguare gli orari dei servizi alle nuove esigenze delle persone. L'orario di lavoro si è enormemente dilatato specialmente fra le nuove generazioni e il luogo di lavoro non è più sotto casa, infine l'avvento dell'era digitale e delle nuove tecnologie ha radicalmente cambiato il rapporto di ognuno di noi con il proprio tempo e ha scandito impegni e scadenze anche logisticamente in modo del tutto nuovo: ma gli orari di scuole, uffici comunali e statali, trasporti pubblici sono rimasti gli stessi di sempre. Una revisione radicale è indispensabile e non più rinviabile e abbiamo l'ambizione di avviare almeno alcune sperimentazioni di orari prolungati e coordinati fra loro, ad esempio con un giorno settimanale in cui uffici pubblici e privati, assieme ai negozi, restino aperti fino alle 20 dando la possibilità a tutti di fruire dei servizi senza ricorrere a ferie e permessi.

L'esperienza avviata con l'Urp aperto di sabato e con l'Ufficio elettorale fino alle 24 nei giorni di voto è un buon inizio, ma la nostra proposta punta a coinvolgere anche le altre istituzioni".

Condividi su:

Seguici su Facebook