Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

L'assessore Cuzzi incontra i residenti e gli operatori commerciali di Piazza Muzii

Condividi su:

Si svolgeranno domani nuovi incontri con i rappresentanti dei residenti e degli operatori commerciali della zona di Piazza Muzii, relativi ai provvedimenti in materia di sicurezza urbana per la piazza e vie limitrofe che l'Amministrazione si appresta a prendere.

 

 "Vogliamo condividere tutte le decisioni perché quella di piazza Muzii è una zona che ci interessa tutelare e promuovere – precisa l'assessore alle Attività Produttive Giacomo Cuzzi - Noi siamo l'Amministrazione che ha rianimato la funzione dinamica ed attrattiva della città con una serie di iniziative di intrattenimento e spettacolo di segno positivo, portando regole e aperture che prima d'ora nessuno aveva mai sperimentato. Un'azione necessaria, portata avanti anche nella zona di Piazza Muzii, facendo attenzione anche alla vivibilità e cercando di non essere controparte, ma interlocutore a tutela di tutti gli interessi rappresentati che sono quelli di chi ha scelto questa parte di città per viverci e anche di chi vi ha collocato investimenti e iniziative, avviando una trasformazione che non deve essere a scapito di nessuno. Ma è un'azione di certo non facile, perché chi frequenta la città purtroppo non ha ancora imparato a rispettarla. Questa è una zona di certo attrattiva: con il completamento del Mercato Muzii, la struttura conosce una fruibilità nuova che favorisce l'animazione del territorio, ma è anche una zona sensibile, per cui  tale processo deve essere necessariamente accompagnato da un'azione di controllo.

Perché accada confidiamo in una più fitta collaborazione con residenti e investitori, in modo tale che i fattori del controllo e della sicurezza possano avere un'estensione ancora maggiore. Perché questo è un settore che genera economia positiva, porta respiro al comparto del commercio cittadino e non deve portare degrado o allarme. Dobbiamo eliminare la vulnerabilità che ancora vive la zona per non rovinare quanto fatto fino ad oggi guardando all'attrattività e allo sviluppo cittadino".

 

Condividi su:

Seguici su Facebook